Soltanto biglietti vincenti

Standard
golden ticket

dal film Willy Wonka & The Chocolate Factory (1971)

“Ciascuno di noi ha due genitori, quattro nonni, otto bisnonni, sedici trisavoli e via di seguito. Se fai il calcolo a ritroso fino al 1349 diventano proprio un bel gruppetto, no?”
Feci cenno di sì con la testa.
“Poi arrivò la peste bubbonica. La morte viaggiava di borgo in borgo, e i più colpiti erano i bambini. In alcune famiglie morivano tutti, in altre se ne salvavano forse uno o due. Tu, Hans Thomas, avevi centinaia di antenati che a quel tempo erano bambini. Ma nessuno di loro morì.”
“E come puoi esserne tanto sicuro?” domandai sbalordito.
Lui fece un tiro dalla sigaretta e concluse: “Perché sei seduto qui a goderti il panorama dell’Adriatico”.
Ancora una volta mi aveva spiazzato con le sue argomentazioni. Però intuivo che aveva ragione: infatti se uno solo dei miei avi fosse morto da bambino, non avrebbe potuto diventare mio avo.
“Le probabilità che uno solo dei tuoi antenati morisse negli anni dell’infanzia erano vertiginosamente alte”, aggiunse e, a partire da quel momento, le parole gli sgorgarono fuori a cascata. “Perché non si tratta soltanto della peste nera, sai. In effetti, tutti i tuoi antenati sono diventati grandi e hanno avuto figli, persino quando sono capitate le peggiori catastrofi naturali, persino in tempi in cui la mortalità infantile era assai elevata. Molti, naturalmente, saranno stati colpiti da una o più malattie, però ce l’hanno sempre fatta. Da questo punto di vista, tu, Hans Thomas, sei stato a un passo dalla morte cento miliardi di volte: la tua vita su questo pianeta è stata minacciata dagli insetti e dalle bestie feroci, dalle meteore e dalla folgore, dalle malattie e dalle guerre, dalle inondazioni e dagli incendi, dai veleni e dai tentativi di assassinio. Nella battaglia di Siklestad, per esempio, tu sei stato ferito centinaia di volte. Perché di sicuro avevi antenati da tutte e due le parti. In realtà eri in guerra contro te stesso, contro le tue possibilità di venire al mondo mille anni più tardi. La medesima cosa, lo sai, è accaduta nell’ultima guerra mondiale. Se, durante l’occupazione, il nonno fosse stato colpito a morte dal fucile di qualche bravo cittadino norvegese, né tu né io avremmo visto la luce. Il nocciolo della questione è che questo si è verificato diversi milioni di volte nel corso della storia. Ogni volta che le frecce volavano sibilando nell’aria, le tue probabilità di nascere venivano ridotte al minimo. Eppure, Hans Thomas, ora tu sei qui, seduto a parlare con me! […] Ti sto descrivendo un’unica, lunga catena di casi fortuiti […]. In realtà, quella catena risale fino alla prima cellula che si divise in due dando il via a tutto quanto oggi cresce e germoglia su questo pianeta. Le probabilità che, nel corso di tre o quattro miliardi di anni, la mia catena non si spezzasse era talmente infime da risultare pressoché impensabili. Eppure ce l’ho fatta, per la miseria! Alla faccia di tutti, ce l’ho fatta. E la mia ricompensa è l’incredibile fortuna di vivere su questo pianeta insieme con te. E di capire quanto è fortunato il più piccolo dei lombrichi a vivere su questo stesso pianeta.”
“E che ne è degli sfortunati?” domandai.
“Non esistono!” esclamò il pater, quasi gridando. “Non sono mai venuti al mondo. La vita è una grande lotteria, in cui vengono estratti soltanto biglietti vincenti.”

Jostein Gaarder, L’enigma del solitario

Annunci

Cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...