Birdman (o L’imprevedibile virtù dell’ignoranza)

Standard

BirdmanAssistere alla proiezione di un film come Birdman è un’esperienza esaltante: spiccare il volo e per circa due ore non rimettere piede a terra, godendosi nel frattempo lo spettacolo da un punto di vista nuovo ed eccitante.

Merito senza dubbio di una regia che intriga lo spettatore e lo fa planare con sé, al ritmo costante di una batteria jazz, mentre insegue i personaggi e il loro incrociarsi, quasi dando l’illusione di non essere altro che un unico, scorrevolissimo piano sequenza.

Così come il suo protagonista, che incontriamo e congediamo con i piedi staccati per aria, Birdman è dunque un film fisicamente sospeso tra cielo e terra, un racconto che di continuo si libra tra testo e metatesto e a più riprese mette insieme elementi diegetici ed extradiegetici.

Farci assistere alla messa in scena della messa in scena di uno spettacolo teatrale (e al suo ripetuto sfondare la quarta parete); riproporre, ripresa da un personaggio col suo telefonino, la medesima scena che ci è stata mostrata poco prima; somministrare battute sagaci su attori contemporanei e le produzioni cinematografiche a cui effettivamente stanno partecipando; affidare a Michael Keaton la parte di un attore che il grande pubblico associa perlopiù al ruolo di un supereroe dei fumetti; tramutare la colonna sonora in musica che i personaggi ascoltano in scena, il cui suono varia peraltro in base alla loro soggettiva: sono chicche e citazioni come queste che fanno dell’ultimo lavoro di Alejandro G. Inárritu una narrazione sorprendente e incredibilmente gustosa, da godere in ogni piccolo dettaglio.

Annunci

Cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...