Ragnarök di A. S. Byatt

Standard

RagnarokIl mondo è in guerra e la bambina magra legge un libro sulla fine del mondo – il ragnarök, il giudizio che incombe sugli dei del nord, il loro oscurarsi.

La bambina magra legge Asgard e gli dei e l’immaginario della mitologia norrena le cresce dentro: a edificare il suo mondo interiore è il retroterra culturale di quello stesso popolo che il padre è partito per combattere e che bombarda la sua casa.

La bambina magra – e il lettore con lei – è conquistata dalle immagini che quei miti tratteggiano, dall’immane frassino che cresce attraverso l’intero universo, da come ogni cosa fiorisca dal cadavere di un gigante, dai lupi della mente che sotto la volta celeste rincorrono senza sosta il sole e la luna, dal serpente le cui spire cingono il mondo, da Loki il trasformista affascinato dal caos e da Odino sulle cui spalle poggiano i corvi Pensiero e Memoria…

La bambina magra è un pretesto, un velo anch’esso fin troppo sottile, per mezzo del quale Antonia S. Byatt rilegge Asgard e gli dei con la stessa passione e il coinvolgimento di quand’era piccola e la rinnovata consapevolezza di chi cerca nel mito una lente per comprendere la realtà attuale.

Non tutte le sue interpretazioni saranno forse condivisibili, ma quel che è certo è che nelle sue parole il mito riacquista la forza evocativa che doveva avere sui suoi originali uditori e si fa materia vibrante, che guizza, brulica, affascina. Ritorna, cioè, alla sua funzione originaria: forgiare suggestioni potenti che alimentino l’immaginario.

Annunci

Cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...