Mancarsi di Diego De Silva

Standard

Mancarsi

L’ambivalenza del titolo ben rende lo spunto su cui regge il volumetto: da un capitolo all’altro si alternando le vicende di due personaggi, Nicola e Irene, che mai si incrociano, pur frequentando entrambi lo stesso bistrot.

I due sono accomunati da un vuoto, una solitudine che, sia pure in modi diversi, segna in profondità la loro vita sentimentale. Su questa mancanza brevi paragrafi aprono, con una certa leggerezza, altrettante finestrelle. A turno, come i battiti di un cuore.

Tuttavia, durante la lettura, si avverte una scarsa empatia con i protagonisti, poiché i loro vissuti interiori sono di continuo riportati su un piano generale, quasi a voler cercare una regola, trovare la formula che interpreti e intercetti un comune sentire.

De Silva ha uno stile gradevole, capace di rendere molto scorrevole la lettura, ma in questo caso denota un certo compiacimento che finisce per compromettere la buona riuscita del testo.

Mancarsi è una chicca mancata.

Annunci

Cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...