Mangino polvere

Standard
Emilia Dziuba, Smakosz

Emilia Dziuba, Smakosz

Che ci crediate o no, esistono diversi manuali dedicati alla pulizia dei libri e in molti di essi è indicato quello che librai e bibliotecari hanno ormai imparato da tempo: spolverare uno ad uno i libri è un’operazione che non vale nemmeno la pena di cominciare. La loro conformazione, infatti, e i materiali di cui si sostanziano li rendono dei veri e propri ricettacoli per la polvere, specie se rimangono fermi a lungo e magari insieme a tanti altri. La battaglia è persa in partenza, ma siamo sicuri che non sia meglio così?

Da un’altra prospettiva, in effetti, è proprio quanto si accumula su un libro (polvere, tempo, immagini, ricordi, sogni, citazioni, rimandi, ragnatele, etc.) a farne un oggetto culturale, ovvero un catalizzatore di significati condivisi, che, se da una parte esige che altri oltre all’autore vi impegnino il proprio investimento immaginativo, dall’altra è a sua volta il frutto di altri oggetti culturali della cui “polvere” si è inevitabilmente nutrito.

Perciò, possiamo dedurre che un buon libro non sia affatto schizzinoso e che, anzi, di proposito attiri su di sé tutta la polvere che può, molti più granelli di quanti punti esso contenga, dal momento che, lontano da influenze e contaminazioni, esso semplicemente non può esistere, se non nella sua forma materiale di carta, colla, inchiostro. Invece, i libri possiedono un’anima, volatile come la polvere, e una profondità che è data dalla stratificazione della cultura che contribuiscono a creare. Alla fine, l’opera di un singolo si rivela il prodotto della tessitura di molti.

A nessun uomo è dato di comporre
un libro. Perché un libro sia davvero,
occorrono tramonti e aurore, secoli,
armi, e il mare che unisce e che separa.

Jorge Luis Borges, Ariosto e gli arabi

Annunci

Cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...